Agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Terni Viterbo Civitavecchia

L'agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Terni Viterbo Civitavecchia si occupa del settore giuridico fornendo ai professionisti risposte e soluzioni alle loro esigenze attraverso sistemi editoriali integrati, cartacei e digitali.

Novità della settimana

IL CREDITO AL CONSUMO

IL CREDITO AL CONSUMO

€ 30.00 € 28.50
IN ARRIVO

QUADERNI FIORENTINI (51)

QUADERNI FIORENTINI (51)

€ 80.00 € 76.00
IN ARRIVO

GLI USI CIVICI

GLI USI CIVICI

€ 45.00 € 42.75
IN ARRIVO

DIRITTO INTERNAZIONALE

DIRITTO INTERNAZIONALE

€ 39.00 € 37.05
IN ARRIVO

I più venduti

MANUALE DI DIRITTO PENALE

MANUALE DI DIRITTO PENALE

€ 59.00 € 56.05
5-7 GIORNI

CODICE DELLA GIUSTIZIA SPORTIVA FIGC

CODICE DELLA GIUSTIZIA SPORTIVA FIGC

€ 32.00 € 30.40
5-7 GIORNI

COMPLIANCE

COMPLIANCE

€ 143.00 € 135.85
5-7 GIORNI

MANUALE DI PROCEDURA PENALE

MANUALE DI PROCEDURA PENALE

€ 82.00 € 77.90
5-7 GIORNI

Webinar

IL DIRITTO PENALE FALLIMENTARE
IL DIRITTO PENALE FALLIMENTARE
A partire da:
€ 250.00
€ 230.00

IL CALCOLO DELLA PENA
IL CALCOLO DELLA PENA
A partire da:
€ 160.00
€ 130.00

Le tue prenotazioni

Non hai ancora prenotato alcun libro.

Assistenza

Richiesta assistenza da remoto
>
Contatta l'agenzia
>
>
Contattaci su WhatsAPP
>
Link utili
>
NEWS
L’esercizio commerciale non può riprendere le zone soggette a pubblico passaggio e le proprietà altrui
L’esercente che intende difendere la propria attività con sistemi di videosorveglianza deve prestare particolare attenzione a non eccedere con la cattura di immagini non pertinenti allo scopo. Ovvero a non interferire con la vita delle altre persone ed in particolare dei vicini di casa.

Licenziamento annullato se il datore di lavoro non riesce a provare il giustificato motivo soggettivo
La Corte di Cassazione ha dovuto dirimere una controversia, inerente il licenziamento di un direttore di Banca, per una serie di irregolarità in contrasto con la normativa antiriciclaggio e con le prescrizioni della normativa vigente relativa al cambio di alcuni assegni.

È possibile godere della sospensione condizionale per una seconda volta?
È possibile, ai sensi dell’art. 164, comma 4, c.p., una seconda concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena all’imputato che ne abbia già beneficiato in un giudizio precedente; ciò a patto che la sommatoria della pena irrogata per i due reati sia contenuta nei limiti temporali di cui all’art. 163 c.p., differenti in base all’età dell’’imputato.

Nuove norme sul pignoramento presso terzi: CNF e OCF non ci stanno
A seguito della pubblicazione della nota del DOG del 20 settembre 2022 in tema di pignoramento presso terzi e adempimenti ex art. 543 c.p.c., CNF e OCF hanno chiesto al Ministero di rivedere le indicazioni fornite che, di fatto, comportano un notevole aggravio di costi e tempi per il creditore procedente precludendo la notifica in proprio al difensore.

Diritto alla provvigione del mediatore immobiliare e patto contrario
La regola codicistica che impone l’obbligo di pagamento dell’attività di mediazione immobiliare a entrambe le parti contraenti non può essere derogata dalla mera barratura, nel modulo di conferimento mandato predisposto dal mediatore, dell’area destinata ad indicare la percentuale di tale diritto, stante anche l’assenza di sottoscrizione del mediatore.

Tirocinio presso gli Uffici giudiziari e corsi di formazione obbligatoria: i pareri del CNF
Il COA Napoli ha richiesto di poter sapere se: la frequenza del tirocinio presso gli Uffici giudiziari (ai sensi dell’art. 73, d.l. n. 69/2013), la frequenza della SSPL e l’assunzione dei praticanti presso l’UpP possano costituire causa di esonero dalla frequenza dei corsi di formazione obbligatoria. Inoltre, un ultimo quesito è relativo alla possibilità di frequentare il corso in questione anche in un tempo diverso rispetto all’espletamento della pratica forense, ferma restando la necessità dell’iscrizione del Registro.

La S.C. sulla fattispecie della tentata rapina impropria
Con sentenza n. 37048/2022, la Corte di Cassazione ritorna sulla configurazione del delitto di tentata rapina impropria, specificando che «sussiste il tentativo di rapina impropria nella condotta di chi eserciti violenza dopo essersi impossessato di un oggetto […]».

Auto in coda nel traffico e finestrino aperto: condizioni che favoriscono il ladro nel fregare l’automobilista
Condanna più severa per gli autori del furto con strappo verificatosi lungo una strada della città di Napoli. Riconosciuta l’aggravante della minorata difesa della vittima, a fronte delle condizioni di intenso traffico e di caldo.

Falso in bilancio e bancarotta documentale: quale il rapporto giuridico tra le due fattispecie?
«L’assoluzione dal reato di falso in bilancio seguito dal fallimento non interferisce sulla decisione in ordine al reato di bancarotta fraudolenta documentale, stante la diversità dei rispettivi oggetti, potendo quello di bancarotta documentale propria concernere ipotesi di falsificazione di libri o di altre scritture contabili e non di bilanci, costituenti invece l’oggetto della indicata specifica fattispecie di cui all’art. 223 comma II n. 1 della Legge Fallimentare».

Nullità proposta per la prima volta in appello: si converte in eccezione legittimamente formulata
La domanda di accertamento della nullità proposta per la prima volta in Appello e inammissibile ai sensi dell’art. 345, comma 1, c.p.c., deve essere convertita dal giudice ed esaminata nel merito come eccezione di nullità legittimamente formulata dall’appellante, come consentito dal secondo comma del medesimo articolo.

Non è necessario il consenso dei presenti se la registrazione è utilizzata per far valere un diritto
L’utilizzo a fini difensivi di registrazioni di colloqui tra il dipendente e i colleghi sul luogo di lavoro non necessita del consenso dei presenti, in ragione dell’imprescindibile necessità di bilanciare le contrapposte istanze della riservatezza da una parte e della tutela giurisdizionale del diritto dall’altra e, pertanto, di contemperare la norma sul consenso al trattamento dei dati con le formalità previste dal codice di procedura civile per la tutela dei diritti in giudizio.

La S.C. sulla liquidazione delle spese processuali post d.m. n. 55/2014
In tema di liquidazione delle spese processuali successiva al d.m. n. 55/2014, «non trova fondamento normativo il vincolo alla determinazione secondo i valori medi ivi indicati, dovendo il giudice solo quantificare il compenso tra il minimo ed il massimo delle tariffe, a loro volta derogabili con apposita motivazione […]».

Avvicina una ragazza e la molesta: condannato per violenza sessuale
Inequivocabili le condotte tenute dall’uomo e raccontate nei dettagli dalla ragazza. A confermare il modus agendi dell’uomo anche alcuni precedenti simili, non culminati però in un contatto fisico con le donne da lui prese di mira. Confermato anche il risarcimento in favore della ragazza.

A chi spetta decidere se un fisioterapista libero professionista no vax possa continuare o meno a svolgere la sua attività?
Appartiene alla cognizione del giudice ordinario la controversia in cui venga in rilievo un diritto soggettivo nei cui confronti la pubblica amministrazione eserciti un’attività vincolata, dovendo verificare soltanto se sussistano i presupposti predeterminati dalla legge per l’adozione di una determinata misura, e non esercitando, pertanto, alcun potere autoritativo correlato all’esercizio di poteri di natura discrezionale.

In tema di giurisdizione del giudice italiano nei confronti di soggetti stranieri deve aversi riguardo al “luogo in cui l’evento dannoso è avvenuto”
Non rileva, invece, il luogo dove si sono verificate o potranno verificarsi le conseguenze future della lesione del diritto della vittima.

Casse di previdenza, stagflazione e sostenibilità
«L’ultimo decennio dei mercati finanziari è stato caratterizzato da: assenza di inflazione, politiche monetarie ultraespansive con tassi di interesse nominali per lo più negativi e grandi disponibilità di liquidità in tutti i mercati condizioni che hanno determinato una progressiva riduzione della volatilità/rischiosità. Gli investitori hanno affrontato questo contesto beneficiando della bassa inflazione e bassa rischiosità ma anche della ridotta redditività disponibile sui mercati finanziari (si pensi ad esempio al governativo); per compensare la progressiva perdita e concentrazione di redditività nell’azionario, gli investitori hanno dedicato sempre maggiore risorse agli investimenti in private market (alla ricerca di rendimento) scelta che ha determinato l’esigenza di aggiornare ed evolvere i propri modelli gestionali» (Lara Pederzolli Mangusta Risk).

Da “Le avventure di Pinocchio” a “Il ritorno di Pinocchio”: opere diverse, significati molteplici e disegni in comune
Utilizzati, come citazioni, nel libro pubblicato nel 2010 i disegni che furono inseriti in ben tre edizioni – 1937, 1945 e 1964 – della notissima opera letteraria di Carlo Collodi. Respinta l’ipotesi di una violazione del diritto morale d’autore ai danni del realizzatore dei disegni.

L’amministrazione carceraria può omettere di comunicare al detenuto la condizione di sieropositività?
Il mancato rispetto degli obblighi informativi a carico dell’amministrazione può determinare una lesione del diritto di informazione e del diritto di autodeterminazione del detenuto.

I lavoratori licenziati dal curatore fallimentare hanno diritto all’indennità di mancato preavviso
Nel caso in cui, a seguito della dichiarazione di fallimento del datore di lavoro, il curatore opti per lo scioglimento dei rapporti di lavoro, si configura l’esercizio di una facoltà sottoposta al rispetto delle norme limitative dei licenziamenti individuali e collettivi, tra cui l’obbligo del preavviso. In caso di inosservanza, i lavoratori possono insinuarsi nel passivo fallimentare anche per la relativa indennità.

Il calcolo del danno differenziale presuppone una quantificazione monetaria della percentuale d’invalidità
Il calcolo del danno differenziale da invalidità permanente si opera sottraendo dal valore monetario dell’invalidità complessiva, inclusiva di menomazione preesistente e di quella causata dall’illecito, il valore monetario di quella preesistente all’illecito. Parametrare il risarcimento alla mera differenza dei punti percentuali, senza convertirli precedentemente in somme di denaro, comporta una sottostima del danno da risarcire.

GIUFFRÈ FRANCIS LEFEBVRE S.P.A.
Agenzia di Terni Viterbo Civitavecchia
SEGUICI SU
Barberisi sas di Barberisi Pasquale
viale Campofregoso 28, Terni
P.IVA 00653070557
0744422975 - 3356128191  -  
giuffre francis lefebvre
© Giuffrè Francis Lefebvre S.p.A. - Capitale Sociale € 2.000.000 i.v. - Sede legale: via Busto Arsizio, 40 - 20151 Milano P.IVA 00829840156 | Società a socio unico. Società soggetta alla direzione e coordinamento di Lefebvre Sarrut Société Anonyme | Governance | Privacy